Visite: 334

Si può insegnare la Bellezza e, soprattutto, come si può esprimere la Bellezza?

È questo l’obiettivo del progetto di Ampliamento dell’Offerta Formativa intrapreso dal Liceo delle Scienze umane del Liceo “Vasco Beccaria Govone” di Mondovì.

Grazie al Bando “Educazione alla Bellezza”, promosso dalla Fondazione CRC, le classi Prime hanno partecipato a Cuneo a tre laboratori di formazione sotto la supervisione della Prof.ssa Marisa Musaio dell’Università Cattolica di Milano. Allievi e docenti, guidati dal poeta Raimondi, hanno (ri)scoperto “la bellezza della poesia come conoscenza di sé”, stimolati dall’attrice Comerio hanno provato a “dare voce alle emozioni della bellezza” e, grazie alla fotografa Galimberti, hanno colto “la bellezza nell’immagine e nella fotografia”.

Terminata la formazione preliminare, le classi Prime saranno impegnate nei prossimi due anni in un articolato progetto per declinare il tema della Bellezza a livello locale, partendo dai luoghi che vivono quotidianamente, che possono stimolare ed educare, in una prospettiva multidisciplinare, l’occhio e l’orecchio, per imparare a guardare e ascoltare.

Attraverso laboratori di fotografia, di ascolto, di grafica e linguaggio musicale, sotto la guida di esperti e grazie a una collaborazione con l’Academia Montis Regalis, il biennio del Liceo delle Scienze Umane sperimenterà nuove forme di linguaggi. I rioni di Mondovì diventeranno la loro aula, i suoi scorci più o meno conosciuti e i suoi suoni saranno i loro libri per dare forma e voce alle città nella città. Convinti che ragazzi più attenti alla bellezza che li circonda, saranno domani cittadini più sensibili.

Torna su