Un alveare in piena attività: questa era l’atmosfera dei corridoi del Liceo Vasco-Beccaria-Govone di Mondovì (CN) venerdì scorso, 11 gennaio, in occasione della V Edizione di un’iniziativa a livello nazionale che sta velocemente prendendo piede su tutto il territorio italiano, arrivando ad estendersi quest’anno a ben 433 licei: la Notte Bianca dei Licei Classici.

Nell’orario concordato, fra le 18:00 e le 22:00, le porte del Liceo si sono spalancate per accogliere chiunque fosse interessato a partecipare a questo evento che vede esibirsi i ragazzi dell'indirizzo classico, che possono così dar prova della loro creatività.

In quanto alunne di Terza Liceo (quella che una volta era la Prima Liceo Classico, dopo i due anni di Ginnasio), avendo visto la lunga preparazione da dietro le quinte, abbiamo potuto osservare quanta cura e quanto zelo ci sono voluti per dar vita a un vero e proprio “successo”. Non fraintendeteci, non è un’affermazione spocchiosa: per “successo” intendiamo il coronamento evidente di tanti sforzi e di tanto impegno, premiato da una grandissima affluenza di pubblico e da scroscianti e lunghi applausi per ogni iniziativa proposta.

Tutto ha avuto inizio con l'omaggio al grande Aristofane (di cui quest'anno abbiamo anche visto una splendida rappresentazione de Le rane al Teatro Stabile di Genova, proposta da Ficara e Picone) con la parabasi de La pace.

A seguire i Tableaux Vivant, consistenti nella riproduzione di quadri da parte di persone, cioè studenti,  in carne ed ossa: i nostri insegnati  ci hanno aiutato molto con la fornitura del materiale necessario e, svuotando un po’ molte case,  siamo riusciti a mettere in scena L’ultima Cena di Leonardo da Vinci, l’Autoritratto di Van Gogh e quello di Frida Kalo, la Morte di Marat e tanti altri famosi quadri. Il metodo scelto stava non nello scegliere prima i quadri ma, basandosi sulle fisionomie degli alunni, nell'individuare prima l’alunna/o più adatta/o per una certa opera.

Ha poi avuto inizio un’altra attività, La notte nei classici,  che si inseriva perfettamente nell’atmosfera generale. Consisteva nella proposta  di testi tutti accumunati dal tema della “notte”.

Ogni brano veniva letto, commentato e, contemporaneamente, anche abbinato a un brano musicale. Omero e Massenet, Alcmane e Schumann, Virgilio e Puccini per terminare con “Spunta la luna dal monte” di Pierangelo Bertoli e i Tazenda, quest’ultima proposta “live” da chitarra e voce: due nostri compagni bravissimi, che hanno riscosso un grande successo personale, tanto da dover concedere il bis.

Nella stessa aula prendeva vita uno dibattito filosofico un po’ insolito: d’altronde, quante volte siamo stati travolti dal vortice dei discorsi tenuti nello scompartimento di un treno?

Ecco, proprio al nostro Liceo, l’11 gennaio, è partito un treno senza una precisa destinazione, se non la riflessione generale su temi come la stregoneria, la logica, la scienza, la morale e il relativismo.

Spostandoci in un’altra parte della scuola, ecco che, al contrario di quanto sia il pensiero comune (di solito ci si immagina ragazzi del Classico in toga con pergamena e Rocci sotto braccio), nel Laboratorio di Fisica, alcuni classicisti ci spiegavano il congresso Solvay, approfondivano la figura di Marie Curie e, un po’ per ridere e un po' per spiegare con parole - per quanto possibili - semplici, sceneggiavano il dialogo tra Einstein e Bohr.

Non poteva mancare la traduzione, croce e delizia di ogni studente del Classico, proposta su brani più disparati per tema e cronologia. Sebbene il pane quotidiano del nostro Liceo siano le lingue classiche, tra un’attività e l’altra, sono stati i Ted Talks che hanno intrattenuto il pubblico per alcuni minuti ciascuno: argomenti diversissimi, dalle fusa dei gatti all’origine della parola “okay”. Infine, ma non per importanza, anche le Tavole Rotonde sono state molto apprezzate: conferenze che mettevano a confronto il mondo che studiamo e il mondo in cui viviamo su temi come religione, sicurezza, finanza e fake news, con la collaborazione tra studenti ed esperti  dell’ambito specifico di ciascuna Tavola. 

Nell’Aula Bruno, l’Aula Magna del Liceo, durante tutta la serata si sono alternate attività diverse. Principale protagonista era la musica e  i ragazzi si sono esibiti in un repertorio vastissimo: da Mozart a David Bowie a Hozier; dal pianoforte alla chitarra classica al beatbox. La Notte si è conclusa con l’Inno a Selene e la lettura, da parte dei ragazzi dell’ultimo anno, del Fragmentum Grenfellianum

Ringraziamo di cuore il nostro Sindaco, che è stato presente durante tutta la durata dell’evento e che poco tempo fa ha scritto un articolo sui giornali locali, di grande apprezzamento per ciò che ha visto, di ricordi di quando anche lui era tra i banchi del Liceo e di riflessione (profonda e per noi particolarmente gradita) di quanto sia formativo, culturalmente ed esistenzialmente, il quinquennio che si trascorre in queste aule.

Al di là della finalità ludica, l’obiettivo era di valorizzare una scuola di eccellenza  che ha fatto crescere il nostro Paese per tanto tempo (e speriamo ancora possa farlo a lungo!) e che ha la sua forte identità nella cultura antica, ancora oggi il modo migliore  per proiettarsi  nel futuro con consapevolezza critica e solida preparazione.

Chi frequenta il Liceo Classico ha deciso di spegnere nel posacenere la pigrizia e l’indifferenza, incantato dal coupe de foudre dell'incontro con la cultura,  che alimenta quotidianamente la curiosità e rende impossibile annoiarsi. Per noi, oggi, questa non è semplicemente una scuola in cui passare un po' di tempo, ma sempre più ci fa crescere la passione di conoscere quanto più possibiile di ciò che ha reso l'uomo davvero umano.

 

Lucia Sagnelli e Cecilia Sicca, 3 A Liceo Classico Mondovì (CN)

News

3S Liceo Scientifico Sportivo: prima classifica a "Che campioni in campo"

Si è svolto venerdì 1 marzo il torneo “Che campioni in campo”, che ha visto affrontarsi dodici squadre dei vari indirizzi degli Istituti superiori di Mondovì a fianco degli atleti delle prime squadre dell’LPM e del VBC.

Le attività curricolari del Liceo Scientifico Sportivo

Il Liceo Scientifico Sportivo “Vasco-Beccaria-Govone” ha stretto numerose collaborazioni con Società del territorio per permettere, insieme ai Docenti di Materie sportive, lo svolgimento pratico di numerose attività curricolari di indirizzo.

News Eventi

Orientamento Scuole Medie

Sabato 23 marzo dalle ore 14.30 alle ore 17.30

presso la sede del Liceo "Vasco Beccaria Govone" il Dirigente, prof. Bruno Gabetti, e una rappresentanza del corpo docente accoglieranno gli alunni delle classi seconde della Scuola Media e le loro famiglie per presentare gli indirizzi del Liceo

Orientamento Universitario

Venerdì 22 marzo dalle ore 14.30 alle ore 18.30

presso la sede del Liceo "Vasco Beccaria Govone"

Incontro Orientamento Universitario per gli alunni delle classi IV e V

Notte del Liceo Classico: un successo strepitoso

Un alveare in piena attività: questa era l’atmosfera dei corridoi del Liceo Vasco-Beccaria-Govone di Mondovì (CN) venerdì scorso, 11 gennaio, in occasione della V Edizione di un’iniziativa a livello nazionale che sta velocemente prendendo piede su tutto il territorio italiano, arrivando ad estendersi quest’anno a ben 433 licei: la Notte Bianca dei Licei Classici.

News Convegni

Lezione della Prof.ssa Robutti sulla metodologia didattica

LA PROF.SSA ROBUTTI AL CORSO DI FORMAZIONE DEI LICEI DI PIAZZA

Lo scorso lunedì 17 dicembre 2018, il Liceo “Vasco-Beccaria-Govone” ha ospitato Ornella Robutti, Professoressa associata in Didattica della Matematica all’Università di Torino, membro di svariati Comitati Scientifici, quali CIIM e Geogebra Institute di Torino e di progetti di ricerca nazionali e internazionali collaborando con colleghi di altri Stati per condurre ricerche con carattere trasversale a contesti istituzionali e culturali diversi.

  • MIUR
  • USR
  • UST
  • NoiPA
  • Carta del Docente
  • Istanze on line
  • Invalsi
  • Scuola in chiaro
  • Scuola in chiaro QR
  • Iscrizione On line
  • Orientamento
  • Errore di stampa
  • Mi alleno per la prima ... MATEMATICA
  • Mi alleno per la prima ... ITALIANO
  • Scopri la risposta
Torna all'inizio del contenuto